lunedì 22 febbraio 2010

TORTA DI MELE

Lei faceva tutto "a occhio", niente bilancia, niente contenitori graduati. Cominciavamo sbattendo le due uova intere con 5-6 cucchiari di zucchero. Io ero la sua manovalanza, cucchiaio di legno e tanta energia....girare, girare fino a quando le uova e lo zucchero diventavano una schiuma gialla chiara. A questo punto lei aggiungeva il burro fuso, due pezzettoni, e la schiuma diventava una crema soffice e spumosa, sempre più chiara e buonissima. Chissà se nelle dosi teneva conto anche dei miei ripetuti assaggi di questa crema? Poi era la volta della farina, due cucchiai per volta (per tutta la torta ce ne volevamo dieci o dodici) alternati a qualche goccio di latte in modo che la consistenza restasse sempre uguale, cremosa, non troppo liquida. Un pizzico di sale, la buccia di un limone grattuggiato e mezza bustina di lievito setacciato con un cucchiaino di farina ed avevamo quasi finito....dopo mezz'ora di "girare, girare dal centro verso l'esterno e viceversa in modo che tutto si amalgami bene!". Lei preparava tre grosse mele. Una tagliata a pezzetti piccoli da mettere direttamente nell'impasto le altre due tagliate a fette da inserire sopra dopo avere messo tutto nella tortiera imburrata e spolverizzata con pane grattuggiato. Sopra di tutto metteva dei fiocchetti di burro e un poco di zucchero che con la cottura caramellava. E alla fine in forno per quasi un ora....ma già dopo una decina di minuti nella cucina si spandeva il dolce e morbido profumo di mele cotte e zucchero.
La mia nonna se n'è andata due settimane fa, dopo una vita vissuta bene, all'età di 96 anni e questa torta fa parte dei ricordi di lei, di quando ero piccola e andavo da lei la domenica mattina a preparare la torta che poi mangiavamo tutti insieme a pranzo e le fette che avanzavano riapparivano nella mia cartella come merenda!


VERSIONE GLUTEN FREE
Ingredienti: 200 gr farina di riso Scotti per torte, 50 gr zucchero di canna, 150 gr burro, 2 uova intere, latte q.b., sale, un cucchiaino di lievito senza glutine, 3 grosse mele.

Sbattere le uova con lo zucchero di canna, aggiungere il burro ammorbidito fino ad ottenere una spuma omogenea. Aggiungere la farina, un pizzico di sale e mescolare aggiungendo un po' di latte per mantenere l'impasto morbido, per ultimo mettere il cucchiaino di lievito. Preparare le tre mele sbucciate. Una tagliarla a pezzetti piccoli ed aggiungerla all'impasto. Versare il tutto in una tortiera rivestita con la carta da forno e guarnire con le due restanti mele tagliate a fette. Cuocere in forno a 180° per circa 45-50 minuti.
La farina di riso Scotti è in realtà un preparato che contiene già dello zucchero e del lievito, per questo bisogna aggiungere, se vi piace, poco zucchero e in questo caso, essendo la torta di mele piuttosto "pesante", un cucchiaino di lievito.

5 commenti:

Simo ha detto...

Un classico rivisitato in versione gluten free...complimenti, buonissima!

Ely ha detto...

che meraviglia questa torta! e che bello il vissuto e il ricordo della nonna.... un'abbraccio Ely

Luciana ha detto...

Ottima questa torta...quasi quasi la provo...nella versione senza glutine è sicuramente più leggera e digeribile...ciao cara

Carlotta ha detto...

La torta di mele va fatta ad occhio altrimenti che torta di mele è??
Un abbraccio

La Gaia Celiaca ha detto...

che bel racconto. e pure la torta di mele... buonissima sempre!